La sorprendente realtà dei BTS e delle loro famiglie



BTS Steven Ferdman/Getty Images

Se sei un fan del K-Pop, ci sono buone probabilità che l'ultimo reality show di successo della Corea del Sud Io-Land è sul tuo radar. E anche se non lo sei, potresti comunque saperlo in mezzo crogiolandosi nel successo del loro singolo 'Dynamite' e i successivi remix del brano, il supergruppo K-Pop BTS ha trovato il tempo per un'apparizione al concorso canoro televisivo nell'agosto 2020.

Come Orari di affari internazionali segnalato, Io-Land i concorrenti hanno ricevuto un cameo dalla band probabilmente più popolare del genere: un momento da cuore a cuore tra idoli affermati e tirocinanti che sperano di essere un giorno proprio come loro. In particolare, il rapper residente dei BTS RM si è connesso con un concorrente nostalgico condividendo una sua storia, rivelando che sei mesi prima del debutto della band, l'artista è scappato dalla band e tra le braccia della sua famiglia. La storia ha fornito informazioni sulle relazioni generali della band con le loro famiglie, rivelando una parte meno gustosa dell'industria del K-Pop nel processo. Diamo un'occhiata.

RM dei BTS ha quasi lasciato il gruppo prima del loro debutto



BTS Era sottomesso/Getty Images

Durante l'apparizione dei BTS su Io-Land Nel recente episodio, i membri del supergruppo si sono presi il tempo di condividere gli alti e bassi della celebrità della musica pop, condividendo storie e aneddoti personali con Io-Land i concorrenti rimasti. Ma è stata in particolare la storia di RM a catturare l'attenzione degli spettatori, come lui ha parlato della sua esperienza con la mancanza della sua famiglia e di come questo lo abbia quasi portato ad abbandonare la sua passione.



La storia della fuga di RM prima del debutto dei BTS è stata particolarmente preveggente sia per i concorrenti dello show che per quelli che guardavano a casa. La sua decisione di tornare a casa all'undicesima ora avrebbe potuto mettere fine alla sua carriera prima ancora che iniziasse, ed è stato il padre della pop star a convincerlo a tornare all'ovile dei BTS, cambiando infine il corso della storia della musica pop. Secondo RM, suo padre ha chiarito una cosa: se il rapper non ha inseguito i suoi sogni K-Pop, potrebbe rovinare più del suo stesso futuro. Potrebbe anche far sì che RM si risentisse della famiglia a cui è tornato di corsa per il resto della sua vita.

Mentre l'aneddoto di RM potrebbe sembrare una saggezza sentimentale e ispiratrice per i tirocinanti presenti nel popolare reality show della Corea del Sud, c'è un po' di più sotto la superficie. E sfortunatamente, ciò che c'è sotto potrebbe essere l'ennesimo aspetto preoccupante il ventre oscuro e schiacciante dell'industria che chiamiamo K-Pop.

Le star del K-Pop sono isolate dalle loro famiglie



BTS Astrid Stawiarz / Getty Images

Per il bene degli spettatori, Io-Land imita le dinamiche della più ampia industria K-Pop, ma senza gli impulsi più oscuri del settore. Le estenuanti fabbriche di idoli pop di K-Pop hanno un ventre sorprendentemente tossico, in cui potenziali star (molte delle quali sono adolescenti) allenarsi per 20 ore al giorno , sottoporsi a procedure cosmetiche approfondite e seguire diete pericolose da fame, il tutto senza essere pagato a malapena.

A peggiorare le cose, questo sfruttamento può essere facilitato dal modo in cui i tirocinanti K-Pop sono isolati dalle loro famiglie e dai loro cari, secondo della BBC relazione interna di un ex tirocinante. Sebbene i tirocinanti siano apparentemente autorizzati a comunicare con i loro genitori, la natura della bestia non lascia molto tempo per questo. I telefoni dei tirocinanti vengono portati via per quasi l'intera giornata. Le visite effettive dei membri della famiglia si verificano raramente, se non del tutto, e solo con l'approvazione dei supervisori della gestione. Le cose non migliorano necessariamente anche dopo che le stelle hanno finito l'allenamento: al giorno d'oggi, i membri dei BTS vedono la loro famiglia solo due o tre volte all'anno, poiché Jimin ha condiviso Io-Land .

La fabbrica dei sogni K-Pop (o fabbrica degli incubi, a seconda della tua opinione) in continua fermento non è necessariamente unica in Corea: la boy-band svengali degli anni '90 Lou Pearlman è un parallelo piuttosto schiacciante sul lato statale. Tuttavia, la solitudine che i tirocinanti sperimentano quando si tratta delle loro famiglie è sicuramente un problema, come mostra la storia di RM.